Come giocare al Casino Hold’em

 

Il Casino Hold’em è probabilmente la variante slot più diffusa del famosissimo Texas Hold’em, il gioco di poker che ha avuto in questi ultimi anni una vastissima diffusione grazie anche ai tornei di poker sportivo.

Come in tutte le slot, l’avversario non è rappresentato da uno o più giocatori, ma dal solo banco. Questo non cambia però le regole di base che occorre seguire per giocare e vincere e potrebbe, anzi, essere molto struttivo specialmente per i principianti che, nel poker, commettono il grave errore di considerare il bluff come una parte fondamentale del gioco del poker. Sono infatti rare le occasioni in cui i giocatori professionisti si affidano a questo aspetto del gioco che è stato invece molto romanzato dalla letteratura e, soprattutto, dal cinema.

Vediamo quindi come giocare Casinò Hold’em, cercando di impostare una strategia e non semplicemente affidandoci alla fortuna.

La regola fondamentale da tenere sempre presente è la stessa di tutti i giochi di poker: limitare le perdite. Questo significa che dobbiamo limitare al massimo l’influenza della fortuna che, in una slot online, è anche frutto di un calcolo statistico che ovviamente premierebbe la casa.

Controlliamo la tabella dei pagamenti e verifichiamo anche i pagamenti delle eventuali puntate bonus offerte, ma il suggerimento è quello di iniziare a giocare senza utilizzare le puntate bonus, riservandole solo ai momenti in cui siamo in attivo. La puntata bonus, infatti, a seconde dei diversi casinò, viene pagata se nella prima mano sono presenti una o più carte ed è una vera e propria scommessa alla cieca che, inoltre, per essere incassato, ci obbligherà a vedere qualunque sia la combinazione che abbiamo in mano.

Ad ogni mano, il mazzo, quello classico da 52 carte senza i jolly, viene rimescolato e la situazione si azzera. Per giocare, occorre fare una puntata, cui volendo si può aggiungere la puntata bonus, e vengono servite due carte coperte al banco e due carte scoperte al giocatore. Al centro, scoperte, ci sono le 3 carte comuni.

Normalmente viene visualizzata sullo schermo la combinazione più alta del giocatore che dovrà decidere se vedere e continuare o lasciare le puntate fatte.

Se si decide di vedere, verrà piazzata una puntata dell’importo della puntata dell’ante iniziale, se si lascia, si potrà vedere, nel caso di gioco live o multiplayer, il seguito della partita ma ovviamente senza partecipare sino al successivo round.

Si può decidere di vedere o lasciare entro un intervallo di tempo, scaduto il quale il banco, o dealer, distribuisce le altre due carte comuni, in successione il Turn ed il River, e alla fine delle scommesse scopre le sue carte iniziali.

La mano del banco e del giocatore sono date dalla migliore combinazione fra le due carte private distribuite inizialmente e 3 delle carte comuni, che possono essere utilizzate da tutti.

Valgono le regole del poker: inutile vedere, e di conseguenza dover raddoppiare la giocata, se abbiamo una mano scarsa. Ad esempio, se fra le due carte personali e le prime 3 dovessimo avere solo una coppia, magari di bassa, è senza dubbio poco indicato “scommettere” su un eventuale tris perché le probabilità che esca una carta che da una coppia ci porta al tris sono basse. Se il banco, fra le sue carte coperte, non ha una carta utile per il nostro eventuale tris, le probabilità sono infatti solo di 4 su 45 al Turn e di 2 su 45 al River. Se il banco ha una carta che potrebbe esserci utile al tris, la probabilità di fare tris si riduce a 2 su 45 al Turn e 1 su 45 al River.

Come nel tradizionale poker, non dobbiamo lasciarci prendere dalla tentazione di giocare tutte le mani. La prima regola per vincere è quella di perdere il meno possibile: con una coppia, specie se bassa, meglio foldare.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche:close